HOME | FILM | GENERI | ATTORI | REGISTI | COMPOSITORI | LOCATIONS | DOPPIATORI | STUNT
 << I film della Pollanet Squad (MAFIA MOVIE) >> 
Il consigliori (1973)  
Musiche
Riz Ortolani
Con
Martin Balsam
Don Antonio Macaluso

Tomas Milian
Thomas Accardo

Francisco Rabal
Vincent Garofalo

Dagmar Lassander
Laura Marchison, ragazza di Thomas

Carlo Tamberlani
Don Michele Villabate

Eduardo Fajardo
Calogero Vezza

John Anderson
Don Vito Albanese

Manuel Zarzo
Dorsiello

Nello Pazzafini
Uomo di Garofalo a Polizzi Generosa

Franco Angrisano
Torillo, proprietario ristorante

Giovanni Carbone


Fortunato Arena
Uomo di Garofalo a Polizzi Generosa

Carla Mancini


Lorenzo Piani


Carlo Gaddi
Carlo, autista di Garofalo a Polizzi Generosa

Sacheen Littlefeather
Maggie (*)

George Rigaud
Prete (*)

Renzo Giovanni Pevarello
Uomo di Garofalo al magazzino (*)

Joe Pollini
 (*)

Omero Capanna
 (*)

Sergio Mioni
Uomo di Garofalo (*)

Perla Cristal
Dorothy (*)

Lina Franchi
Cameriera ristorante Torillo (*)

(*) non accreditato




"Se volete rivedere “Il padrino” andate a vedere “Il consigliori”: è tale e quale, mutati particolari insignificanti. [...] Il film è girato con buon mestiere, ma come potete immaginare dal giudizio [...] non ci interessa. [...] Alberto De Martino ha voluto dimostrare che gli italiani non sono da meno degli americani :e c’è riuscito. Tanto di cappello al professionismo, e il discorso finisce qui. Una altra cosa soltanto: questo film è vietato ai minori di 14 anni, quello di Coppola no. Chissà perché. [...]"
Au.Sa. (Aurora Santuari) - Paese Sera - 31/08/1973

"[...] Alberto De Martino ha diretto [il film] con sicura baldanza imprimendo all’azione il ritmo più confacente e ben delineando il carattere dei personaggi che si stagliano con nitidi contorni sullo sfondo di una ambientazione che non lascia nulla al caso e che a volte non manca di rivelarsi suggestiva. Calibrata la recitazione degli attori [...]."
Vice - Il Messaggero - 31/08/1973

"[...] Imitatore degli imitatori, Alberto De Martino ha confezionato un film già visto durante il quale bisognerebbe cavarsi il cappello ogni cinque minuti per salutare il passaggio di scene, situazioni, personaggi, trovate già incontrate parecchie volte, e che appare sociologicamente inattendibile, psicologicamente inesistente, incline al melodramma negli intermezzi sentimentali anche se rozzamente efficace nelle scene di azione violenta e cruenta. Persino il valzer di cui, in varie salse, Riz Ortolani stiva la colonna sonora, dà l’impressione di già ascoltato."
M.Mor. (Morando Morandini) - Il Giorno - 23/09/1973
Colonna Sonora
Poster