HOME | FILM | GENERI | ATTORI | REGISTI | COMPOSITORI | LOCATIONS | DOPPIATORI | STUNT
 << I film della Pollanet Squad (POLIZIESCO) >> 
Squadra antiscippo (1976)  
Con
Tomas Milian
(Doppiato da Ferruccio Amendola)
Maresciallo Nico Giraldi

Jack Palance
(Doppiato da Renato Mori)
Norman Shelley

Maria Rosaria Omaggio
(Doppiato da Vittoria Febbi)
Signorina Cattani

Guido Mannari
(Doppiato da Cesare Barbetti)
Achille Bertinari "Baronetto"

Jack La Cayenne
Colombo

Raf Luca
(Doppiato da Michele Gammino)
Gargiulo

Benito Stefanelli
Scagnozzo di Shelley

Toni Ucci
Grottaferrata

Marcello Martana
Trentini

Vincenzo Crocitti
Zagaja

Roberto Chiappa


Roberto Messina
(Doppiato da Sergio Fiorentini)
Commissario Tozzi

Adriano Valentini


Anna Melita
Adelaide

Angelo Pellegrino
(Doppiato da Manlio De Angelis)
Chiappetta

Giovanni Attanasio
Carabiniere

Domenico Cianfriglia


Franco Garofalo


Domenico Poli
Gaetano Bozzetti

Vittorio Sancisi
Andrea Mangiagalli

Giuliano Sestili
Dante Ramucci "Er bove de Testaccio"

Massimo Stazzi


Valerio Colombaioni
 (*)

Quinto Gambi
 (*)

Mario Donatone
 (*)

John P. Dulaney
Agente Ballarin (*)

Lina Franchi
Donna fra la folla al mercato (*)

Enrico Marciani
 (*)

Benito Pacifico
 (*)

Sergio Testori
 (*)

Iolanda Fortini
Mamma Teresa (*)

(*) non accreditato




"Non è il primo film in cui – a memoria – Tomas Milian cavalchi una moto e si trasformi in una sorta di sceriffo a due ruote. “Squadra antiscippo” è ancora una volta un western in maschera, nel quale, per il regista, Bruno Corbucci, conta assai più l’azione del contenuto. E solo per questo si giustificano le esagerazioni e, in parte, anche la filosofia che percorre il film: picchia più forte e spara per primo. […] Corbucci si butta nell’azione e Milian si scatena sulla sua moto: il film è tutto qui. Il resto è inattendibile e poco gustoso. C’è il consueto linguaggio pesante e un accenno di storia d’amore tra il maresciallo ed una ragazza che trova tempo di inguaiare. Milian non sorride quasi mai. E’ sempre teso come una corda di violino. Per la giustizia o perché non è convinto delle parti che gli danno?"
C.R. - Il Giorno - 24/04/1976

"[…] Il film, abbastanza denso di momenti avventurosi, si impone, nel suo genere, all’attenzione della platea grazie soprattutto ad una buona impostazione ritmica impressa da Bruno Corbucci alla narrazione. Una appropriata ambientazione ed una efficace caratterizzazione dei personaggi completano la bontà del lavoro, inficiato però da un dialogo troppo denso di trivialità non sempre giustificate. Degli attori un po’ artificioso, anche se bravo, Tomas Milian, corretto nel suo ruolo Jack Palance, convincente la graziosa Maria Rosaria Omaggio e a posto tutti gli altri."
Cer - Il Messaggero - 17/03/1976
Trailer
Poster